Consegnato il bene confiscato “Casa Mehari”

La cerimonia di consegna delle chiavi da parte di Antonio Sabino, sindaco di Quarto, è stato l’ultimo atto ufficiale con cui Casa Mehari è affidata all’associazione temporanea di scopo vincitrice del bando pubblicato lo scorso ottobre. Venerdì 11 febbraio erano presenti il magistrato Giuseppe Visone della Direzione Distrettuale Antimafia, il presidente dell’ordine dei Giornalisti Ottavio Lucarelli, il presidente del Corecom Campania Mimmo Falco, i Carabinieri di Pozzuoli e Quarto, alla Polizia di Stato e alla Guardia di Finanza di Pozzuoli. Numerosa la stampa e i membri della Giunta e del Consiglio Comunale quartese.

La struttura di via Nicotera è un bene confiscato alla criminalità locale e adesso è diventata una casa delle associazioni e della legalità dedicata al giornalista Giancarlo Siani. Mehari è il nome del modello dell’auto Citroën su cui venne assassinato il collaboratore de “Il Mattino” nel 1985.

L’associazione temporanea di scopo a cui è affidato per la durata di dieci anni “Casa Mehari” è composta da “La Bottega dei Semplici Pensieri” (organizzazione di volontariato, capofila dell’ats), “La Quercia Rossa” (cooperativa sociale), “Artemide” (associazione culturale) e “Dialogos” (associazione di promozione sociale). Il Progetto che mette insieme i soggetti è denominato “ControVento – Contro la criminalità, verso la Legalità (Associazionismo, Solidarietà, Cultura, Ambiente, Formazione)”. Il progetto è stato redatto grazie al contributo del Rotaract di Napoli. A sostenere la proposta progettuale vincitrice ci sono ventinove soggetti tra ordini professionali, scuole, fondazioni, parrocchie, cooperative e associazioni.

Al momento, Hanno sottoscritto il progetto: Ordine dei Giornalisti, Ordine degli Agronomi, Ordine dei Tecnologi alimentari, Fondazione Prioritalia, Fondazione Grimaldi, Sindacato Unitario Giornalisti Campania, Associazione della Stampa Campana-Giornalisti Flegrei, Libera-Associazione, nomi e numeri contro le mafie (Coordinamento Metropolitano di Napoli), I.S.I.S. “Rita Levi Montalcini”, I.C. 3° “Gadda”, Scuola Media “Gobetti-De Filippo”, I.C. “Diaz” di Pozzuoli, Multicenter School, Pro loco Santa Maria di Quarto Centro, Parrocchia Santa Maria Libera nos a Scandalis, New Media Press Editore, Legambiente Città Flegrea Aps, Opus Continuum, Evangelii Gaudium Coop. Sociale, Associazione Anteas-Amici dei Campi Flegrei, Laboratorio Verde di Quarto Flegreo, Associazione Fidippide, Gruppo Archeologico Kyme, Associazione Lux in Fabula, Associazione Il Cammino dei Campi Flegrei, Malazè – Laboratorio di Comunità, Progetto Uomo Cooperativa Sociale, ​​Acli Dicearchia Pozzuoli, Accademia Reale, il Cumanum. Presto si aggiungeranno altre realtà.

Occorre evidenziare che il mantenimento della struttura e le attività sono totalmente autofinanziate.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.